.
Annunci online

pinocomune
vita/e di un impiegato comunale
 
 
 
 
           
       

 

   

        


           Aiutiamo Gabriela



             

"devi concentrarti sugli stranieri che incontri e cercare di comprenderli. più riesci a capire uno straniero, maggiore è la tua conoscenza di te stessa".

(jasmina, nonna di fatema mernissi, sociologa marocchina, università di rabat - fonte: comunicate.ilcannocchiale.it)
            

                     

                                                           
    

...Noi fummo i gattopardi, i leoni.
Chi ci sostituirà saranno gli sciacalli, le iene.
E tutti quanti: gattopardi, leoni, sciacalli e pecore continueremo a crederci il sale della terra...
Il principe don Fabrizio di Salina, nel Gattopardo di Luchino Visconti


Il tempo interiore, che è poi il tempo dell’anima che pensa, che sente, che riflette, che soffre, che ama senza limiti di tempo, è stato infatti tutto bruciato dal tempo esteriore delle cose da "fare", a cui l´orologio, incalzante e ossessivo, assegna il suo tempo senza qualità.
Umberto Galimberti

Democrazia è libertà, ma libertà è informazione: conoscere è l'unico modo per non cadere vittime di giochi invisibili, ma molto pesanti
Massimo Cacciari, intervista a Paese Nuovo, 5 giugno 2005


Alla fine di questa giornata
rimane ciò che è rimasto di ieri
e ciò che rimarrà di domani:
l'ansia insaziabile e molteplice dell'essere sempre
la stessa persona e un'altra.
F. Pessoa, da Il libro dell'inquietudine di Bernardo Soares



        
Locations of visitors to this page






questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001.



 

 

 


Apri le previsioni meteo per la tua località

pinosparro@gmail.com




 

 







 

 

 

 

  

 
19 luglio 2009

chiedi a un mandorlo

 

 
CHIEDI A UN MANDORLO

Chiedi a un mandorlo a marzo
al rosa titubante del pescheto.
Chiedi a una nuvola dell'alba.
Chiedi a un torrente che irrompe nel greto.
Chiedilo a tutti i fichi degli orti
quando i rami contorti e spogli
cominciano a formicolare
di germogli.
Chiedilo a loro.

Saprai cos'è l'impazienza
che ti attanaglia e ti sgomina
quanto tu desideri, corpo.
Saprai la tua innocenza e la tua forza.
Saprai dell'amore più verità
che leggendo tutti i libri scritti
dall'inizio dei tempi.
Non fidarti dei filosofi
né di Platone né di Eraclito
non interrogare i profeti
i sapienti, i sacerdoti
su cosa è la tua brama,
non saprebbero dirtelo.

Chiedi a un mandorlo.
Guarda un mandorlo.


giuseppe conte, da Nuovi canti




nel suo quattordicesimo anno, il 18 luglio 2009 l'olio della poesia è stato donato da serrano e dalla terra d'otranto a giuseppe conte.
giuseppe conte ci ha donato una serata di versi e di pensieri, ed un poemetto, scritto per noi: “Non finirò di scrivere sul mare”.



8 agosto 2008

olio della poesia 2008 - lu poeto s'addeventa fantasmo

 





l’uno di agosto nel paesino di serrano il premio l’olio della poesia, un quintale di olio e un soggiorno ad otranto, quest’anno a tiziano scarpa. non lo conoscevo, non sapevo niente di lui. come me probabilmente tanti altri leccesi. infatti c’era molta gente di serrano e pochi leccesi, quegli intellettuali che non si perdono neanche una occasione per farsi vedere, per farsi riconoscere intellettuali ufficiali. ma tiziano scarpa non li ha attirati. peggio per loro, hanno perduto una serata gradevolissima, scoprendo un poeta, un cantastorie, un istrione, un giocoliere…

sentivi che gli applausi, quelli della gente di serrano, erano forti convinti contenti. carla guido si è superata interpretando alcuni testi di scarpa. e quando hanno duettato leggendo lu poeto…

 

ecco il testo de lu poeto, preso da qui, e pubblicato sul volumetto stampato per l’occasione (insieme a la morte frivola e favola della morte inventata). se vi piace, cercate subito in libreria groppi amore nella scuraglia, einaudi 2005.

 

 

 

Lu poeto

Tiziano Scarpa

 


Ce vene lu poeto ne lu paese,
ce leggie lu poemo d'ammure.

Ne la piazza diserta
nu ce stà nissuno.

L'ommene e li fimmeni de lu paese
ce stanno innante a lu tilivisore
a guardà lu calcio de lu guberno,
lu tiliggiurnalo de lu guberno,
la comicata de lu guberno.

Sulamente lu bedello de la scola
ce rapprisinta lu sindoco ne la piazza diserta,
pe nun farcere ponzà a lu poeto
che lu paese tene gnoranza.

Lu bedello ce addumanda a lu poeto:

"Poeto, picché ce abbi scrittato lu poemo?"

"Picché sò poeto."

"E picché sì poeto?"

"Picché sò io."

"Puro io sò io."

"Annò.
Tu sì tu."

"Ecché, io sò tu?"

"Annò.
Tu nun sì io.
Tu sì tu.
Sultanto io sò io."

"E picché?"

"Picché abbio scrittato lu poemo."

"E che iè lu poemo?"

"Lu poemo iè lu macinino de lu munno.
Tutto lu munno ce intra
e ce uscie sultanto io.
Ne lu macinino de lu poemo
tutto lu munno s'addeventa io.
Accusì puro io
me ce intro ne lu macinino de lu poemo,
e da lu poemo ce uscie de fora tutto lu munno."

"E si me ce intri puro a mme ne lu macinino,
io che m'addevento?"

"T'addeventi lu bedello de la scola,
ioppuro lu sindoco,
ioppuro lu cumandante de lu munno,
picché tu nun essisti."

"Poeto camurro,
picché ce parli cu lu fantasmo che nun essiste
ne la piazza diserta?
Che, ce sì locco frallocco?
Che, ce sì scemo triscemo?"

"Ce sò poeto d'ammure,
che ne lu poemo mio
tutto lu munno s'addeventa io,
e tutto chillu che sò io s'addeventa lu munno,
e a tutto ce truvo segnificanza.
A tutto ce voglio bbene
comme si fusse lu carcasso mio."

"Poeto d'ammure,
che, ce sì nu poco ricchione?"

"Ce sò lu ricchione de lu munno,
ce sò lu sposo de lu stellatico
e de lu selenzio,
ce sò lu marito de la luna
e de la notte nottosa."

"E picché nun te ce truvi una frigna?"

"Picché la frigna mia
ce la tengo derentro de me
inseme cu la luna, cu lu stellatico
e cu tutto lu munno."

"Poeto ricchione e rumantico,
che, me ce impari a scrittà lu poemo?
Accusì puro io ce voglio bbene a tutto lu munno
e nun tengo più abbisogno de frigna."

"Bedello gnoranto,
tu nun ce debbi tenirce abbisogno de frigna,
nun ce debbi tenirce abbisogno d'ammure.
Nu teni abbisogno de nirchia,
picché tu nun essisti.
Sì nu fantasmo."

"E picché me ce abbi scrittato
si nun essisto?
Mò che me ce abbi scrittato
ce tengo abbisogno de tutto lu munno.
Lu fantasmo iè nu coso
che tene abbisogno de tutto lu munno."

"Fantasmo,
te ce vulisse dartece tutto lu munno,
ma nun poto,
picché sò poeto pizzente e scagnato.
T'abbio scrittato
accusì ce sinto abbisogno
puro de lu munno tuo,
ce sinto abbisogno
puro de l'abbisogno tuo."

"Poeto ricchione e camurro,
mò puro tu t'addeventi fantasmo."

Lu bedello ce se lu magna.

Lu poeto s'addeventa fantasmo,
ce scumpare ne la notte nottosa.
S'addeventa fiataglia de vento,
ce carezza le petale de li flori
che s'addormono ne la scuraglia.

Ma intante che lu poeto
ce se cride de sire fantasmo
e ce curre pe la piazza diserta,
lu sasso che nun tene segnificanza
lu face cespicà de capitozzo.

Lu poeto ce sinte lu doglio ne lu pede,
ce manna nu bistimmio a lu stellatico
e a lu sindoco camurro
che nun ce repara mai la piazza scagnata.

Lu poeto ce s'azzoppica de pedelento,
ce maladice la vita sua pizzente e scagnata
che nun tene nimmanco la motorina
pe turnarcese a ccasa de còmmodo.



23 giugno 2008

venghino signori, venghino, nel salento c'è premi per tutti


 

nel salento è tempo di premi. come per ogni terra che si rispetti, qui in italia. ce ne sono tutto l’anno, ma quelli di questo periodo sono tra i più famosi. mano male che pochi mi leggono, altrimenti quelli che trascuro si adonterebbero immediatamente.

nelle scorse settimane il premio barocco, quello che milioni di italiani hanno visto su rai1. naturalmente glielo hanno dato anche al papa, ma sono andati a portarglielo, lui non è venuto sul palco leccese presentato da frizzi (frizzi il presentatore…). l’elenco dei premiati con il barocco, negli anni, è interminabile. per semplicità, fate l’elenco di tutti i personaggi dello spettacolo che conoscete e…state tranquilli, hanno ricevuto il loro premio salentino.

 

è alla quinta edizione “il sallentino” (sì doppia elle, per non confondersi). il prof. ing. domenico laforgia, magnifico rettore, è il presidente del comitato d’onore e di garanzia. capite che si fa sul serio. il premio viene conferito a settembre, durante la settimana di cultura salentina ed euromediterranea, ma quest’anno c’è una “anteprima oltre oceano”. lo apprendiamo da un ricco preciso volantino. dunque. il “riconoscimento d’onore 2008” va a “sua eccellenza giovanni castellaneta ambasciatore italiano in usa”. domani, proprio domani, festa onomastica del premiato “a Washington, una delegazione con la rappresentanza istituzionale delle Province di Lecce, Brindisi e Taranto” consegnerà il premio, conferitogli “per il suo prezioso impegno nella promozione del Sistema Italia negli USA, nostro fondamentale partner commerciale e per i costanti rapporti che intrattiene con la comunità italiana e con quella di origine italiana” (cioè, perché fa il suo dovere di ambasciatore). il volantino ci ricorda che “Sua eccellenza Giovanni Castellaneta, che ha avuto il PREMIO MIAMI 2005 ed è stato insignito della LEGION d’ONORE dal presidente francese Jacques Chirac, si è detto orgoglioso di ricevere l’ambito Riconoscimento conferitogli dalla Terra d’Otranto e ha lasciato intendere che quasi certamente interverrà all’esposizione dell’Evento”. “esposizione dell’Evento”? oddio, quale Evento sarà esposto? vuol dire che si degnerà di ricevere proprio nelle sue auguste mani il premio? oppure vorrà dire che si degnerà di venire a lecce a settembre? che angoscia non capire… però ci rassicura un’ultima notizia: “Oltre la documentazione di rito, la delegazione consegnerà all’importante Diplomatico una missiva del Sindaco di Lecce, Dott. Paolo Perrone e una del Presidente della Camera di Commercio, Dott. Alfredo Prete. I due autorevoli rappresentanti istituzionali del nostro territorio esprimono all’Ambasciatore Castellaneta il loro piacere e la loro approvazione per l’esclusivo conferimento, con l’augurio di poterlo incontrare di persona a Lecce in occasione della Settimana della Cultura Salentina ed Euromediterranea”. l’eccellentissimo ambasciatore sarà profondamente commosso nel ricevere le lettere di perrone e prete, senza dubbio. ma se deve venire a lecce, che bisogno c’è di raggiungerlo domani oltre oceano? la “delegazione con la rappresentanza istituzionale delle Province di Lecce, Brindisi e Taranto” si è recata apposta oltre oceano? ah. quanto è grande e generoso il nostro salento…

 

nei prossimi giorni ci sarà il premio apollonio, consegnato a giuliano sangiorgi dei negramaro durante una serata condotta da serena dandini con marcorè.


c’erano anche premi più seri, il premio salento, dedicato alle arti letterarie, che si era perso nel tempo, è stato riesumato felicemente qualche anno fa e pare sia stato altrettanto felicemente ri-sepolto.


e infine c’è per fortuna il premio “l’olio della poesia”, che vede ogni anno nel paesino di serrano un poeta famoso premiato con un quintale d’olio e con un soggiorno ad otranto, e però con l’obbligo di comporre qualcosa appositamente per l’occasione...attendiamo di sapere chi ci farà per qualche ora felici quest’anno.  è il premio apparentemente più modesto, ma certamente il più vivo e più vero.

 





 

Ultime cose
Il mio profilo

latorredibabele
clelia
alzataconpugno
nuvolediparole
squilibri
ecate
federicorampini
attentialcane
giornalistidipuglia
river
viaggio
miele98
ereticoblog
mylifeinbangkok
uic
talentosprecato
walterromanista
vulcanochimico
meslier
castenaso
rosaspina
giuliofoto
raissa
diario estemporaneo
nonsolorossi
pingo
bluewitch
volando
aegaion
lottaecontemplazione
garbo
buddhi
rosencranz
caterina
sogniebisogni
stazionetermini
anniehall
divano
tria
shamal
aguadeluna
vandalounge
milleunametamorfosi
iltaccod'italia



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     giugno        agosto